Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Andare in basso

Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Destiny il Dom Ott 16, 2011 10:51 am

Sinossi:
Spoiler:
Penny e Shannon, entrambe depresse per motivi diversi, si ritrovano inaspettatamente a condividere lo stesso appuntamento dallo psicoterapeuta. Si tratta di una vecchia conoscenza: Harper Stanhope. L'argomento delle seduta sono i recenti sogni delle 2 donne.
avatar
Destiny

Messaggi : 235
Data d'iscrizione : 26.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Mer Ott 19, 2011 10:38 am

*Pioveva. Da giorni ormai. Sembrava quasi fatto apposta. Il tempo e il suo umore andavano di pari passo da quella stramaledettissima sera. A stento riusciva a riconoscere quali erano le gocce e quali, invece, le sue lacrime.
Aveva smesso di andare a lavorare. Aveva smesso di parlare con suo marito. Aveva smesso di vivere. Ogni secondo, ogni attimo, sembrava esistere solo in funzione del momento che l'avrebbe riportata da suo figlio.
(Perchè ci sarebbe stato quel momento, vero?)
Quel lampo accecante, dapprima così fastidioso ed invadente, adesso era la sua unica speranza.
Ma più passavano i giorni e più la speranza la abbandonava, lasciandola sola con i suoi rimorsi e con tutte le domande che ancora aspettavano di ricevere una risposta.*

Tic, tic, tic...



*Le gocce che battevano sul vetro della finestra le riempivano completamente la testa. Aveva costruito una barriera intorno a sè che la isolava completamente dal mondo esterno. Una barriera alla quale neanche suo marito aveva accesso. Non aveva coscienza di nulla. C'era solo lei e il suo dolore. Lei, completamente sola in quell'angolo di tempo così sbagliato.
Una voce femminile piuttosto acuta la riportò in sè, facendola sobbalzare leggermente.*

Signora Hume, signorina Rutherford, la dottoressa Stanhope adesso può ricevervi.

*Con un gesto nervoso si tirò su il cardigan di lana che le aveva lasciato una spalla scoperta. Poi realizzò che in quella frase appena pronunciata c'era qualcosa che stonava.*

Può ricevere prima me o l'altra paziente? *domandò, leggermente infastidita dalla mancanza di chiarezza della segretaria.
La segretaria arrossì e spostò il peso da un piede all'altro, evidentemente in imbarazzo*

Ehm...no, signora Hume, dev'esserci stato un errore nella compilazione dell'agenda. Temo che lei e la signorina Rutherford dobbiate dividervi la seduta.
avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Mer Ott 19, 2011 11:27 am

*Probabilmente si trovava nell'angolo più silenzioso del pianeta.
La pioggia che continuava a picchiare sui vetri e il ticchettio dell'orologio, nient'altro.
Odiava quella parte, l'attesa. Odiava soprattutto condividerla con quelle persone. Come quel giorno, quella donna che sembrava incapace anche solo di respirare, assente, spenta. Scosse la testa rifutandosi di guardare ancora verso di lei. Rifiutando il pensiero di apparire agli altri, come gli altri apparivano lei.*

*Riuscì a non guardarla, concentrandosi sul vaso di fiori finti sul tavolino al centro della stanza, unica nota di colore, in quella che probabilmente era anche la stanza più anonima del mondo. Mentre la gamba destra tradiva tutta la sua impazienza, continuando ad andare su e giù.*

*La lancetta scattò, erano le 9 in punto. E scattò anche lei, in piedi, non vedeva l'ora, non solo per scappare da quella stanza: le sedute dallo psicoterapeuta erano ormai i momenti migliori della sua settimana.
Ma Bastarono tre frasi per cambiarle l'umore. Che roba era quella? Condividere la seduta con la donna fantasma?*

"No, può controllare meglio, per favore? Non ho intenzione di condividere la seduta con una sconosciuta. Può chiamare la dottoressa Stanhope?"

*Guardò controvoglia la donna spenta.*
"Mi dispiace, signora."


Ultima modifica di Shannon Rutherford il Mer Ott 19, 2011 6:15 pm, modificato 1 volta
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Mer Ott 19, 2011 2:01 pm

Fantastico. Semplicemente fantastico. Ci mancava solo più che mi toccasse condividere i miei problemi di donna prossima ai quaranta con una ragazzina appena uscita dal liceo.

*La ragazza bionda sbuffava, con un accenno di broncio sul viso perfettamente truccato. Tutt'ad un tratto le fece tenerezza. Per lei, donna trentaseienne, quella visita era una delle prime della sua vita. Quella ragazza, a confronto, sembrava un'abituè dello studio. Se alla sua età era a quei livelli non osava immaginare cosa sarebbe stato di lei una volta raggiunti i quaranta.
Penny era piuttosto scettica per tutto ciò che riguardava psicologi, psicanalisti e strizzacervelli in genere. Era stato Desmond che l'aveva convinta ad andare dalla dottoressa Stanhope. Fosse stato per lei se ne sarebbe rimasta rintanata in un angolino della sua casa a riempirsi di polvere e ad aspettare di morire, probabilmente.

Chiamò a raccolta le sue forze e si alzò dalla poltroncina di velluto della sala d'aspetto.*

Sono sicura che la dottoressa Stanhope risolverà...

*la porta in legno scuro con una pesante placca di ottone al centro si aprì e ne uscì una donna sulla quarantina, con lunghi capelli color mogano, un raffinato tailleur grigio antracite ed una cartellina sotto il braccio destro. Sicuramente era più attraente che bella.*

Penelope, Shannon... se volete accomodarvi nel mio studio vi spiegherò meglio la situazione.

*Poi si rivolse alla sua segretaria*

Melanie, per favore, mi porteresti un caffè? E' da tre ore che sono sveglia e non ne ho preso neanche uno. Senza zucchero, mi raccomando. Shannon, Penelope, vi unite a me? Parlare davanti ad una tazza di caffè caldo rende tutto più bello, ve l'assicuro.

*Sorrise, mostrando una fila di denti perfettamente allineati e precedette le due donne nello studio.*

avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Mer Ott 19, 2011 2:40 pm

*Rimase confusa a guardare la dottoressa prima e la donna silenziosa poi. Quale "situazione" le avrebbe spiegato una volta dentro? Che cosa aveva lei in comune con quel rottame di essere vivente? Assolutamente niente. Cercò di ficcarsi quella convinzione nel cervello, mentre la sua paura, quella di apparire proprio come quella donna agli occhi del mondo, continuava a spingere sempre più forte. Lei non aveva nessun problema, nessuno. Un paio di sedute dallo psicologo non facevano di lei una persona disturbata.
Seguì la dottoressa Stanhope nel suo studio, accelerando il passo, ignorando la donna alle sue spalle nel tentativo di allontanare le sensazioni che quella presenza portava a galla. Si voltò verso la segretaria, frettolosa.*

Per me niente caffé, grazie

*Si mise a sedere, senza aspettare alcun invito, mentre il braccio di ferro tra paure e giutificazioni inconsistenti, continuava spietato nella sua testa.*
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Mer Ott 19, 2011 3:10 pm

*Harper Stanhope sorseggiava il suo caffè assaporandone goccia dopo goccia, con gli occhi socchiusi. Sembrava essere quasi un rituale per la donna. Una volta finito il caffè, relegò la tazzina ad un angolo della scrivania e inforcò gli occhiali.*

Carissime, mi dispiace profondamente per questo inconveniente. ...Tuttavia nella vita bisogna andare avanti e, se la situazione non presenta alcuna soluzione, bisogna adattarvisi meglio che si può. E' puro istinto di sopravvivenza.
Cercheremo di trarre il meglio da questa seduta. Cercheremo di trasformare l'unico svantaggio in un vantaggio. Vi serviranno più queste due ore che tutte le altre passate da sole con me.


*Sul viso della dottoressa Stanhope prese forma un sorriso soddisfatto e una strana luce le illuminò momentaneamente lo sguardo.*

Entrambe state costruendo una barriera intorno a voi. Io voglio aiutarvi a distruggerla. Sono sicura che troveremo facilmente un punto di incontro nelle vostre storie.

*Fece un altro mezzo sorriso, si tolse gli occhiali da vista e si rivolse alla ragazza bionda*



Shannon, cominciamo con te. Cosa mi dici di nuovo dei tuoi sogni?


Ultima modifica di Penelope Widmore il Dom Ott 23, 2011 11:24 am, modificato 1 volta
avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Mer Ott 19, 2011 3:57 pm

"Che cosa? Di nuovo?"

*Shannon era incredula, sconcertata dall'atteggiamento della psicoterapeuta di quel giorno. E poi, ancora con quei maledetti sogni, come se non ne avessero già parlato abbastanza. Come se la presenza di un'estranea potesse rendere le cose più semplici. Afferrò i braccioli della sedia, in una stretta nervosa e si tirò su.*

"Credevo avessimo già stabilito che sognare di sposare Ian Somerhalder non avesse nessun significato nascosto degno sella sua attenzione. I miei sogni non sono cambiati da allora..."

*esitò, come se qualche pensiero avesse appena dato uno spintone alle sue parole, false.*

"E comunque non ne parlerei davanti alla signora..."

*lasciò la frase in sospeso e si voltò a guardarla, era rimasta sempre ferma ed in silenzio, impassibile a tutto, e questo non faceva che aumentare il disagio nei suoi confronti.*

"...Penelope."

*pronunciò il nome con un disgusto appena accennato.*

"Alla prossima." *Si voltò, incamminandosi verso l'uscita*

"Fermati, Shannon. "

*Harper era in piedi, le mani premevano contro la scrivania nervose, la voce tradiva un tono insolito, strano, autoritario, arrabbiato. Non era da lei. Sembrava quasi essere sfuggito al suo controllo. Shannon si voltò, spiazzata. La dottoressa si era ricomposta e adesso le indicava gentilmente la sedia che aveva appena lasciato vuota.*

"Ti prego, Shannon, torna a sederti. Non ti chiederò di parlare oggi, solo di ascoltare. Ma è importante che tu sia presente."

*Lo sguardo della donna, ora dolce e premuroso come sempre, sembrò quasi ipnotizzare la ragazza bionda.*

"Fidati di me"

*La voce fidata, aiutò lo sguardo ipnotizzante e Shannon mise fine al suo piccolo tentativo di fuga e tornò a sedersi, devota. Mentre la dottoressa Stanhope spostava le sue attenzioni sulla pallida Penelope...*
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Gio Ott 20, 2011 8:28 am

*Voci ovattate le riempivano la testa e i pensieri. Era come se tutto intorno a lei fosse sfocato. Vedeva le ombre della dottoressa Stanhope e della ragazza bionda muoversi ed agitarsi. Tuttavia erano cose che non la riguardavano. La sua attenzione era rivolta alla finestra ormai rigata di gocce di pioggia. Sembrava quasi facessero a gara per arrivare prima al cornicione e lanciarsi giù nel vuoto. Libere di nuovo di precipitare.
Tutt'ad un tratto le venne in mente sua madre. Giocava sempre con lei alla gara delle gocce di pioggia. Quando erano in macchina e pioveva lo facevano per passare il tempo: scommettevano su quale goccia sarebbe arrivata prima all'altra estremità del finestrino, sotto lo sguardo severo di suo padre che guidava parlando al telefono.
Ogni tanto ci aveva anche giocato con Charlie.
Charlie...
Charlie non c'era più e un'ondata di rabbia prese il posto di quella che fino a pochi minuti prima era tristezza.

Lo scatto improvviso della dottoressa Stanhope che si alzava in piedi la riportò alla realtà. La bionda dalla voce isterica voleva uscire dallo studio, ma qualcosa nello sguardo di Harper Stanhope la costrinse a tornare sui suoi passi.

Penelope, passiamo a te... raccontami ancora di quell'isola di cui mi hai tanto parlato.

*Esordì Harper Stanhope cercando di nascondere un mezzo sorriso.
Basta. Questo era il colmo. Non solo era certa che quelle sedute non sarebbero servite a niente, ma adesso doveva addirittura parlare dell'isola ad un'estranea...
Guardò negli occhi la dottoressa cercando di non far trasparire la rabbia che la stava dominando*

Con tutto il rispetto, dottoressa Stanhope, ma dubito che alla ragazza possano interessare i miei vaneggiamenti su quella dannata isola. Nessuno che non vi sia stato potrebbe capirla.

*Mormorò a denti stretti.*

Ho fatto male a venire oggi. Ho fatto male a cominciare queste sedute, e sa perchè? Perchè non mi serviranno a niente, qua sono solo di passaggio e spero di andarmene via quanto prima!

*Raccolse cappotto e borsa e si alzò di scatto dalla sedia, sotto lo sguardo divertito di Harper Stanhope.*

Penso che per oggi ci siamo dette tutto, arrivederci dottoressa Stanhope. Le porgo anche i saluti da parte Desmond.
avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Gio Ott 20, 2011 1:55 pm

*Non le importava ascoltare i discorsi di Penelope: i problemi, le sofferenze, i drammi degli altri non le interessavano. Qualunque tragedia avesse colpito quella donna, fino a ridurla in quello stato, non avrebbe di certo fatto consolato Shannon. I suoi problemi, le sue sofferenze, i suoi drammi, erano per lei gli unici esistenti al mondo. Ed era tutto.
Perciò preferì fissare la tazza vuota di caffè sulla scrivania e maledire il viaggio a vuoto fatto quel giorno fino a Los Angeles. Poi una parola, una sola, la riportò brutalmente in quello studio: isola.*

*Si voltò di scatto verso Penelope, poi cercò risposte nel viso di Harper; ma non ne trovò nessuna.
Con uno sbuffo, abbandonò la sua paranoia: poteva considerare i suoi drammi gli unici esistenti al mondo, ma di isole, beh, forse ce n'era qualcuna in più. La tazza vuota riconquistò tutta la sua attenzione.
Per poco.
Molto poco.
Desmond. L'amico di Charlie. La barca. L'uomo sparito nel nulla.*

"Chi è Desmond?"

*Chiese istintivamente, voltandosi verso Penelope, con le mani che ancora una volta stringevano i braccioli della sedia. Non poteva essere. Harper non sapeva. Si pentì istantaneamente di quella domanda, ma era troppo tardi.*
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Gio Ott 20, 2011 2:42 pm

*Con una mano già sulla maniglia della porta, si bloccò. Cosa gliene poteva importare di suo marito alla bionda isterica? Harper Stanhope aveva un ghigno beffardo dipinto in viso e la stava fissando con una penna appoggiata al labbro inferiore.*

Beh...Desmond è mio marito. Dubito fortemente che possa conoscerlo. Soprattutto considerando che in questi ultimi anni non ha avuto molti contatti col mondo esterno. Quindi, a meno che lei non abbia passato i suoi ultimi anni in un'isola sperd...

*Si bloccò improvvisamente. Un brivido freddo le percorse la schiena. Adesso capiva. Adesso tutto aveva un senso. La casualità di quella visita divisa con la ragazza bionda, le domande su suo marito...Era stata l'isola a portarla fino a lì. E la ragazza bionda, a quanto pareva, era sulla sua stessa barca.*

Tu...

*Mormorò alla ragazza bionda portandosi una mano alla bocca.*

Tu conosci mio marito... Tu eri sull'isola.


Ultima modifica di Penelope Widmore il Dom Ott 23, 2011 11:29 am, modificato 1 volta
avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Gio Ott 20, 2011 3:22 pm

"Suo marito..."

*Sussurrò appena, mentre si abbandonava sulla sedia fissando confusa il pavimento. Non era possibile. Harper sapeva soltanto che dopo il rapimento era stata portata su una qualunque isola deserta. Che razza di scherzo era quello? Un altro dei suoi incubi ad occhi aperti? Si afferrò la testa tra le mani, ormai troppo pesante, quasi per evitare che esplodesse.
Rifiutò l'idea di trovarsi di fronte ad una coincidenza così improbabile. Rifiutò di parlarne. Rifiutò semplicemente di ammetterlo. Rifiutò di trovarsi, ancora una volta, faccia a faccia con quel passato che non voleva ricordare. *

"No, io.. non credo di conoscere tuo marito.*

*Provò a salvarsi in quel modo stupido, cercando un tono di voce fermo, invano.
Spostò lo sguardo sul viso incredulo e confuso di Penelope, le sofferenze della donna non le sembravano più così distanti dalle sue. Il suo sguardo improvvisamente interessato, la tradì, tanto quanto il tono di voce traballante. Riprese a contare le mattonelle del pavimento, mentre l'isola si impadroniva di quella stanza.*


Ultima modifica di Shannon Rutherford il Dom Ott 23, 2011 6:24 pm, modificato 3 volte
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Penelope Widmore il Dom Ott 23, 2011 11:13 am

*Era un sogno. Non poteva essere altro che quello.*
Qualcuno mi svegli. Qualcuno mi svegli.
*Il destino la stava perseguitando. L'isola la stava perseguitando. Poteva essere una pura coincidenza quella? Ritrovarsi nella stessa seduta con una ragazza che condivideva con lei il periodo più brutto della sua vita.*
Qualcuno mi svegli. Qualcuno mi svegli.
*Con la stessa espressione di stupore dipinta in volto si sedette di nuovo sulla poltroncina dello studio, senza smettere di guardare la ragazza bionda.
Non è possibile, di sicuro si trattava di un'altra isola. Di un altro Desmond.
Al diavolo, Penny. Quante altre isole e quanti altri Desmond potrebbero esserci? Desmond, forse, parecchi. E sicuramente anche isole. Ma nessuna aveva il potere di lasciarti quell'espressione in volto, l'espressione di terrore che aveva letto nel viso della ragazza bionda. Era come una firma che sono Lei poteva lasciare. Lei. L'Isola. E Penny lo sapeva bene, l'aveva vista più e più volte nel volto di suo marito.
La ragazza bionda continuava ad evitare il suo sguardo e fu allora che Harper Stanhope fece di nuovo sentire la sua presenza in quella stanza. Dal tono di voce si intuiva facilmente che era seccata dalla piega che aveva preso quella conversazione.*

Su, ragazze. Cerchiamo di non allontanarci troppo dal fulcro di questa seduta. Dicevamo...?

*Inforcò gli occhiali con un gesto nervoso e lesse alcuni fogli sulla sua scrivania.*

Ah, sì. Volevo approfondire i vostri sogni. Penelope, nulla di nuovo?

*Ancora quel mezzo sorriso sul volto della dottoressa Stanhope.
Al diavolo, di nuovo. Non voleva parlare dei suoi sogni. Voleva parlare dell'isola con la ragazza bionda, altro non le importava. Tuttavia l'espressione impenetrabile di Shannon e il suo sguardo inchiodato al pavimento le fecero capire che, almeno per quel giorno, non le avrebbe tirato fuori neanche una sillaba.
Si dedicò, quindi, alla domanda di Harper Stanhope; cercando di riprendere un po' di lucidità.*

Beh...come le avevo già spiegato...Ecco... è tutto indefinito. Come ritrovarsi in una nebbia fitta. Sento delle urla, capisco che è Charlie che piange ma...non riesco a capire dove sia.
Mi ritrovo ad urlare il suo nome nel cuore della notte, Desmond me lo dice spesso.

*Harper Stanhope tradì un'espressione di disappunto.*

Nulla di nuovo, quindi.
avatar
Penelope Widmore

Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 29.09.11
Età : 44
Località : Londra

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Shannon Rutherford il Dom Ott 23, 2011 11:07 pm

*Shannon sentiva gli occhi di Penny addosso. Pesanti. la gamba riprese ad andare su e giù, tradendo ancora una volta la sua impazienza. Voleva uscire di lì, doveva farlo. Continuava a vedere l'isola ovunque, soprattutto dove non c'era. Stava succedendo di nuovo? Doveva uscire da quella stanza. Gli occhi di Penny diventavano sempre più pesanti.
Harper continuava ad osservare in silenzio le due donne, con un'espressione indecifrabile sul volto.*

Bene. *La psicoterapeuta finalmente parlò, spezzando l'atmosfera tesa.*
Spero abbiate capito il motivo di questa seduta condivisa. *Si fermò a guardare prima Penny, poi Shannon, cercando dalle due una risposta che non arrivò.*
Sono certa di aver avuto l'intuizione giusta. I vostri problemi, le vostre barriere, hanno un'origine comune. Simile. La vostra isola.. o le vostre isole, vi hanno portato a questo punto, seguendo strade diverse. Perciò, vi chiedo di prestare molta attenzione ai vostri sogni, provate a ricordarne ogni dettaglio, in futuro, soprattutto se in qualche modo vi riportano a quella esperienza. Sono certa che in questo modo troveremo la chiave, ma mi aspetto la vostra collaborazione nelle prossime sedute.

*Harper si alzò in piedi, pronta a congedare le due pazienti.*

Alla prossima. E mi raccomando, avrò bisogno di ogni dettaglio.

*Shannon si limitò ad un cenno ed un saluto frettoloso, prima di precipitarsi verso la porta. Probabilmente non sarebbe mai più tornata da Harper Stanhope, probabilmente avrebbe scelto ancora una volta di scappare da qualcosa che continuava ad inseguirla, probabilmente quel qualcosa l'avrebbe raggiunta ancora una volta. Ma in quel momento si accontentò di assicurarsi di non farsi raggiungere dai passi sempre più vicini di Penelope...*
avatar
Shannon Rutherford

Messaggi : 62
Data d'iscrizione : 26.09.11
Età : 33
Località : Malibu

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 12 "LOS ANGELES" [Penny, Shannon]

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum