Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Andare in basso

Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Destiny il Sab Ott 29, 2011 10:27 pm

Spoiler:
Nadia si ritrova inconsciamente nella stessa cella in cui è chiusa Claire. Claire si sveglia ed è sorpresa di non aver udito aprire la cella e non capisce chi sia la ragazza.
Nadia nel contempo è ancora più confusa. Poco prima si trovava con Hugo ed era riuscita a ricordare qualche particolare ed ora si trova in una cella con una strana ragazza.
Le due ragazze iniziano una strana conversazione dove Nadia non riesce a rispondere alle più banali domande di Claire.
Claire racconta a Nadia di come sia sottoposta a innumerevoli controlli sul suo stato mentale e fisico. Tale racconto innesca un ricordo a Nadia: un uomo (Keamy) che irrompe a casa sua e le inietta un liquido con una siringa.
In Nadia comincia a nascere il sospetto che potrebbe essere morta.
avatar
Destiny

Messaggi : 235
Data d'iscrizione : 26.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Nadia Jarrah il Mer Nov 02, 2011 2:38 pm

Nadia apre all'improvviso gli occhi.
Intorno a lei è tutto avvolto dall'oscurità, proprio come la sua mente.
"Dove mi trovo? Non ero nella giungla...?".
Nadia è sdraiata a terra, ma si fa forza e si mette a sedere.
"La mia testa...".

Poi si guarda in giro per cercare di capire dove si trovi, strizzando gli occhi a causa della scarsa luce. Sembra che si tratti di una specie di cella, come mai ci sarà finita? Che l'incontro con quel ragazzo che le aveva offerto il cioccolato sia stato tutto un sogno?
Ad un certo punto scorge all'improvviso, non molto lontano da lei, una strana ragazza bionda e dalla pelle chiarissima che la sta fissando, così che ha un breve sussulto a causa della visione inaspettata.
Subito però le chiede: "E tu? Chi sei tu...? Dove mi trovo...?".

Non appena proferisce parola, Nadia si rende conto che la sua voce sta tremando.

E' stanca e confusa, è esausta a causa di tutti questi sconbussolamenti... Senza nemmeno riuscire a capire cosa stia succedendo.

avatar
Nadia Jarrah

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 06.10.11
Località : Los Angeles

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Claire Littleton il Lun Nov 07, 2011 7:58 pm

[img][/img]

*Charlie era sulla spiaggia e dolcemente giocava con Aaron. Claire poteva sentire le risate dei due anche dallo scoglio nel quale era seduta ad osservare il mare. Charlie cercava di farlo divertire facendogli strane facce mentre lo teneva stretto fra le sue braccia. Era una tranquilla giornata d’estate, il sole le riscaldava la pelle, e un filo di vento le passava tra i capelli. Era tutto perfetto. Ma le cose perfette,come sempre,durano poco: le risate dei due svanirono nel nulla, Claire allora si girò preoccupata ma nella spiaggia era rimasta da sola. Charlie ed Aaron erano spariti. Iniziò quindi ad urlare i loro nomi ed a correre per la spiaggia nel tentativo di cercarli,di trovarli ma niente.Era come se si fossero dissolti. E all’improvviso un rumore forte e secco dietro di lei la riportò alla realtà.* *Claire si svegliò di scatto:il cuore le batteva forte e lei tremava come una foglia. Era solo un sogno, o meglio un incubo. La bellissima e tranquilla spiaggia era ritornata ad essere quella orribile cella di isolamento, e lei era di nuovo sola. Aveva sempre avuto poca fede, ma ora anche la speranza iniziava a vacillare. Ormai abbandonata al suo destino iniziava a chiedersi perchè Charlie e Jack non fossero ancora tornati. Perchè fosse ancora rinchiusa in quello schifoso posto, ma sopratutto iniziava a pensare che quelle quattro mura non sarebbero state solamente una "temporanea sistemazione".* "Charlie ma dove sei finito?" *sussurrò con tono triste,di chi ormai avendo perso tutto non credeva più in niente e non vedeva all'orizzonte un futuro roseo. Ma non fece in tempo a riprendersi del tutto da quell'incubo perchè qualcosa di veramente strano attirò la sua attenzione: una bella ragazza mora, con la carnagione scura stava dormendo nel lato opposto della cella.*

"Ma com'è possibile?" *disse fra sè e sè. Claire era rimasta sveglia quasi tutta la notte, e da quando era lì aveva sempre avuto il sonno molto leggero quindi non si capacitava del fatto che qualcuno fosse entrato senza svegliarla. Iniziò a fissarla,le avrebbe rivolto sicuramente tantissime domande,ma doveva andarci cauta. Non sapeva niente di lei, magari era l'ennesimo nemico o era davvero malata. Era preoccupata ma allo stesso tempo felice. Stare da sola in quella cella non era il massimo, era stanca di intrattenere monologhi, sarebbe stato piacevole avere un interlocutore per un po’. Soprattutto considerando che l’ultima persona con cui aveva avuto il piacere di parlare era stata Locke. E il ricordo di quella chiacchierata non le era proprio rimasta nel cuore.*

*Le si avvicinò per poterla vedere meglio. La ragazza si svegliò di soprassalto ed iniziò a porle le solite domande di routine.* "Io sono Claire, non devi aver paura di me. Lo so che considerando il posto in cui ci troviamo tu possa dubitare della mia parola, ma ti assicuro che non sono una minaccia. Tu piuttosto ti ricordi qualcosa? Sai chi ti ha portato in questa cella e perchè?" *le disse con tono dolce e rassicurante, aveva capito che la ragazza si sentiva a disagio e poteva comprenderla benissimo. Claire sperava di poter trovare delle risposte ad almeno alcuni dei suoi interrogativi, ma più il tempo passava e più lei era priva di aspettative.*







[img][/img]
avatar
Claire Littleton

Messaggi : 72
Data d'iscrizione : 01.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Nadia Jarrah il Mer Nov 09, 2011 12:06 pm

La ragazza bionda si avvicina a Nadia, che, ormai in piedi, appare intimorita ed indietreggia leggermente. Inizialmente con quel ragazzo nella giungla, di cui non è nemmeno riuscita a scoprire il nome per ringraziarlo, aveva ritrovato la fiducia, pur essendo in stato confusionale e spaventata. Ora però, trovandosi all'improvviso in una cella buia, le sue certezze stanno nuovamente cominciando a vacillare, facendole riemergere vecchie sensazioni di paura.

La mente di Nadia la riporta all'improvviso in un'altra cella. Lì è vestita di nero, ha il volto tumefatto da violenze e disagi interiori, pur continuando a mostrare un lieve sorriso. C'è un uomo con lei, un militare, ma lei sa che è buono.
Nadia si fida di lui, si guardano con affetto. Lui la chiama per nome, "Nadia", accarezzandole amichevolmente il viso, mentre lei gli sorride.



Ora ricorda. "Sayid...", mormora Nadia con voce spezzata, toccandosi la testa.

"Io sono Claire, non devi aver paura di me. Lo so che considerando il posto in cui ci troviamo tu possa dubitare della mia parola, ma ti assicuro che non sono una minaccia. Tu piuttosto ti ricordi qualcosa? Sai chi ti ha portato in questa cella e perchè?".

La voce della ragazza bionda riporta Nadia alla cella del presente, dove indossa invece una veste bianca, su cui si sofferma per un attimo il suo sguardo, quasi a trovare un punto di riferimento, una costante, su dove e soprattutto "quando" si trovi adesso.
Nadia pensa per un attimo tra sè e sè. "Il ricordo di Sayid deve essere stato un segno. Io, io... Devo fidarmi. E poi questa ragazza sembra confusa e spaventata almeno quanto me".

"Mi chiamo Nadia, tu? Voglio fidami di te. Non ricordo nulla di come io sia arrivata qui, speravo potessi aiutarmi tu a ricordare... Che Dio ci aiuti".

Poi aggiunse subito: "Prima se non sbaglio ti ho sentita sussurrare un nome, Charlie. Chi è Charlie? Ci ha portate lui qui? Aiutami a capire, ti prego. Non ce la faccio più...".

Se non altro, un aspetto positivo del fatto di trovarsi nella cella c'era: l'aveva aiutata a far riemergere dal profondo del suo cuore il ricordo di Sayid... il suo Sayid.

avatar
Nadia Jarrah

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 06.10.11
Località : Los Angeles

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Claire Littleton il Mer Nov 09, 2011 8:44 pm

*Non avevano neanche iniziato a parlare che già la ragazza le stava ponendo scomode domande. Claire però non poteva fare altro che rispondere. La paura le si leggeva in volto ma almeno nei suoi occhi c’era speranza,c’era la voglia di capire e di trovare una soluzione.*
“No Charlie è il mio ragazzo, lui non c’entra niente con tutta questa storia. Ora siamo lontani,ma lo so che prima o poi tornerà. Purtroppo non posso esserti particolarmente utile. Neanche io so con esattezza perché mi hanno rinchiuso qui dentro. E soprattutto non mi sono neanche resa conto che qualcuno ti avesse portato nella cella,mi sono semplicemente svegliata e tu eri in quell'angolino laggiù che dormivi."
*La prima cosa che passò per la mente di Claire fu di analizzare la situazione:doveva esserci una spiegazione del perchè non si fosse accorta di nulla, la ragazza non poteva mica essersi materializzata nella cella. "Forse mi hanno dato qualche sonnifero durante l’ultima visita. Deve essere per forza andata così." Questa fu l'unica risposta che riuscì a darsi, ma non le sembrava il caso di condividere questi dubbi con Nadia.*

"Mi hanno detto che sono malata, quindi mi tengono qui in isolamento…sai per non contagiare le persone sane. Anche se penso che di sano ormai ci sia rimasto ben poco in questo posto." *Lentamente si allontonò da Nadia e tornò a sedersi nel suo lato della cella. Come sempre gambe incrociate,schiena appoggiata al muro e le mani che messe dietro la testa le facevano da cuscino.* "Per stare qui anche tu devi essere malata, o quanto meno deve essere quello che loro credono." *Le disse,indicando la solita guardia che beatamente riposava al di là della cella, ruotando leggermente la testa verso destra.*

*Nadia sempre più spaventata le si avvicinò, arrivò proprio ad un palmo da lei e prendendole le mani chiese intimorita:"sei malata? Siamo malate? Ma di cosa stai parlando?"
"Mi dispiace di non poterti dare risposte soddisfacenti, ma la verità è questa! Ne so quanto te di tutta questa storia della malattia. L’unica cosa che so per certo è che quotidianamente vengo sottoposta a dei controlli fisici e mentali. Usano degli strani macchinari, e non è che si mettano lì a spiegarmi le cose o a rassicurarmi." *e dopo un momento di pausa proseguì* "Vedi questi segni?" *disse indicandole dei piccoli puntini rossi che aveva su entrambe le braccia.* "Questi segni sono l’unica prova tangibile che ho. Non so bene cosa stia succedendo,ma di sicuro hanno fretta di scoprire qualcosa. Magari una cura..."

*Nadia non riusciva a seguire il ragionamento di Claire. Troppe cose senza senso stavano uscendo dalla sua bocca, e lei in primis se ne rendeva conto.Forse stava davvero impazzendo e di conseguenza i suoi ragionamenti non avevano un senso logico.O forse era la paranoia,che lentamente si stava impadronendo di lei.* "Senti perchè non cerchiamo di mettere insieme i pezzi eh? Cos'è l'ultima cosa che ricordi? Almeno lo sai dove ti trovi? Forse se ti aiuto a ricordare troverai le risposte che stai cercando." *E dicendole ciò fu lei questa volta a stringerle forte le mani.* "Nadia stai tranquilla...prima o poi riusciremo ad andarcene da qui..."

[img][/img]
avatar
Claire Littleton

Messaggi : 72
Data d'iscrizione : 01.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Nadia Jarrah il Gio Nov 10, 2011 2:10 pm

“Malate…? Come malate? Non ci posso credere!”, disse Nadia, abbracciando forte Claire. Pur non conoscendola, la sente così vicina a sé, unita a lei in quella terribile e angosciante situazione di incertezza, lontana dall’uomo che ama.
“Tutto ciò è assurdo, il mio ultimo ricordo risale a quando mi trovavo, non so come, in una specie di giungla e, e… C’era un ragazzo molto paffuto che è stato così gentile con me… Poi il vuoto totale! So solo che mi sono risvegliata qui in questa cella e ho trovato te”, disse Nadia . “… Per fortuna”, aggiunse, stringendo le mani di Claire, così che le cade l’occhio sui puntini rossi sulle braccia della ragazza.

Nadia inizia quindi a controllare le proprie braccia, alla ricerca di qualche segno simile a quelli che ha Claire, ma, oltre ai lividi e a qualche ferita, non c'è alcun puntino rosso che possa provare che le siano state fatte delle iniezioni. "Io non ho nulla, ma magari mi hanno somministrato qualcosa in qualche altro modo... Ciò proverebbe anche la mia totale mancanza di memoria, che non riesco a spiegare altrimenti", disse Nadia, prendendosi la testa tra le mani.

Un uomo grande e grosso, gigante e dall'aspetto violento, irrompe all'improvviso in casa.
C'è Nadia che grida e invoca aiuto, tentando di fuggire.
Lui riesce a immobilizzarla, la colpisce e le inietta qualcosa con una siringa.

"Nadia?".
Anche questa volta la voce di Claire riporta Nadia al presente.
"Io... Io ho avuto un ricordo confuso di un uomo malvagio che mi iniettava qualcosa nelle vene. Forse è cominciato tutto da lì, il primo episodio confuso di una serie di eventi apparentemente insensati".

"... Mi sento come se non esistessi... Come se fossi morta".

avatar
Nadia Jarrah

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 06.10.11
Località : Los Angeles

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Claire Littleton il Gio Nov 10, 2011 6:23 pm

"... Mi sento come se non esistessi... Come se fossi morta".

*Quelle parole le fecero venire i brividi. Claire si allontanò di scatto dalla ragazza e le rispose titubando.* "Come se fossi morta? Nadia ma cosa stai dicendo, ci deve essere per forza una spiegazione logica a tutto questo…non dovresti neanche pensarla una cosa del genere. Devi...anzi dobbiamo solamente stare tranquille..." *Ma qualche dubbio iniziò a dilagare nella mente di Claire, di cose strane e inspiegabili ne aveva viste accadere su quell’isola, e ne aveva vissute. Ma avere Nadia davanti agli occhi, averle parlato, averla toccata…no, non poteva essere morta. Ne era sicura.*

"Sicuramente è stato quell'uomo a portarti qui... ora non ci resta che scoprirne il motivo." *Claire finita la frase si risidette. Vedeva che la chiacchierata aveva particolarmente stancato Nadia quindi decise di lasciarla riposare in pace. E fece altrettanto.*
avatar
Claire Littleton

Messaggi : 72
Data d'iscrizione : 01.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Gruppo 3 "URBS" [Claire, Nadia]

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum